Visite: 297

Notizie Locali

LIBRO DI MEMORIE CONTRO IL NAZIFASCISMO TRADOTTO IN FRANCESE E DIFFUSO A PARIGI

Il 27 gennaio è la giornata della memoria, una ricorrenza internazionale celebrata per commemorare le vittime dell’Olocausto. Essendo questa data sempre più vicina, oggi volevamo raccontarvi la storia di un nostro compaesano, Luigi Baldan, internato militare italiano nel lager nazista di Sackisch – Bad Kudowa , in Polonia, scomparso 4 anni fa all’età di 99 anni.

Durante il periodo trascorso nel lager, Luigi scrisse un diario dove riportava imprese di solidarietà nei confronti di alcune ragazze ebree prigioniere nel lager assieme a lui. Una volta terminato l’incubo dei campi di concentramento, Luigi riuscì a tornare in Italia e rifarsi una vita, continuando però a conservare quel diario. Quando poi cominciò a raccontare al figlio Sandro del diario, assieme decisero di dare forma a quei ricordi e così nel 2007 venne pubblicato il libro delle sue testimonianze con il titolo “Lotta per sopravvivere – La mia resistenza non armata contro il nazifascismo”.

La figlia di una delle ragazze che Baldan aiutò, cercando informazioni sul campo di concentramento dove era stata prigioniera la madre, si imbatte proprio nella testimonianza di Luigi e rimase impressionata dalla quantità di dettagli utilizzati per descrivere il campo e soprattutto dal racconto di alcune ragazze ebree fatte schiave e sfruttate che lui aveva cercato di aiutare. Si ricordò che spesso la madre le raccontava di come un gruppo di italiani aveva aiutato lei e altre ragazze a sopravvivere durante quel periodo e proprio per questo motivo decise di mettersi in contatto con lui. Nel 2015 questa signora, Ginette Mabille, riuscì a mettersi ni contato con Sandro Baldan, figlio di Luigi, e decise di tradurre in francese quel libro che tanto l’aveva colpita. Per farlo, Ginette si mise a studiare giorno e notte l’italiano portando a termine la traduzione.

«È il mio grazie per quello che ha fatto perché non abdicò la sua umanità» queste sono le parole della donna in merito al suo gesto e ora, grazie a questo, la storia e le testimonianze di Luigi Baldan potranno essere lette e tramandate anche dai francesi.

Il libro e la storia della traduzione saranno presentati il 26 gennaio alle 18.30 con un webinar, via Zoom, organizzato dall’Alliance Française e il Consolato di Francia a Venezia. Parteciperanno rappresentanti della Comunità Ebraica di Venezia, dell’Associazione Figli della Shoah, il Presidente del Consiglio regionale, Ginette Mabille e Sandro Baldan, rappresentati della casa editrice Cierre. Interverranno da Israele, Ecuador e Usa figlie figlie delle ragazze ebree prigioniere nel lager di Sackisch Kudowa.

Recensione di Filippo De Gaspari su «Il Gazzettino» di Venezia-Mestre, 11 gennaio 2021

Recensione di Francesco Furlan su «La Nuova di Venezia e Mestre», 14 gennaio 2021

Lutter pour survivre-Ma Résistance non armée contre le Nazisme. Mémoires d’un soldat italien interné dans les camps nazis di Luigi Baldan Traduction française : Ginette Mabille