Visite: 117

Notizie Locali

MISURE PER LA RIAPERTURA DELLE SCUOLE

Il Comune di Mirano e gli Istituti comprensivi cittadini, Mirano 1 e Mirano 2, durante tutta l’estate hanno lavorato e infine definito un pacchetto di misure per preparare le scuole miranesi alla ripresa delle lezioni, intervenendo per uniformare tanto gli edifici scolastici quanto lo svolgimento dell’attività didattica alle disposizioni ministeriali in materia di prevenzione rispetto al Covid-19.

Non sono previste riduzioni nell’orario delle lezioni. L’unica variazione consiste nell’introduzione di ingressi scaglionati, misura stabilita per evitare l’assembramento di studenti al momento dell’ingresso. I diversi gruppi di studenti accederanno al loro istituto a distanza di alcuni minuti uno dall’altro. La mancanza del servizio di trasporto scolastico – almeno nelle settimane iniziali – accrescerà la necessità del servizio di pre-scuola (disponibile, nelle varie sedi, dalle ore 7.30) e doposcuola. Per l’ingresso verranno utilizzati tutti gli accessi disponibili, in modo da non creare assembramenti e velocizzare le procedure d’ingresso. Per ogni plesso sono stati acquistati i termoscanner.

Gli istituti hanno provveduto a organizzare gli spazi delle aule. Diversi gli accorgimenti per renderle idonee alle nuove disposizioni di sicurezza. I banchi sono distanziati come da Manuale operativo dell’Ufficio Scolastico regionale del Veneto; dove la dotazione attuale non lo consente, sono stati acquistati nuovi banchi dalle dimensioni idonee. Per guadagnare spazio all’interno delle aule, gli altri elementi d’arredo (ad esempio gli armadi) sono stati spostati nei corridoi o in altre posizioni adeguate. Alcune classi presentano comunque un numero di studenti elevato. La scuola ha valutato la scissione delle classi numerose mediante richiesta di ulteriore personale docente all’Ufficio Scolastico regionale di cui si attende riscontro. I plessi scolastici in cui presente una mensa saranno dotati di sanificatori ed è confermato il servizio mensa.

Il Comune ha stanziato le risorse necessarie (circa 150.000 euro) per il potenziamento del WiFi nelle scuole e l’acquisto delle LIM, delle webcam e dell’altro materiale informatico richiesto dai due istituti comprensivi. Non solo misure antiCovid-19: le novità per la scuola miranese sono anche altre. Grazie al finanziamento (110.000 euro) ottenuto dal Comune nell’ambito del Programma Operativo Nazionale – PON FSE per la scuola, per esempio, sarà possibile risistemare il tetto della scuola dell’infanzia “Zanetti-Meneghini” di Zianigo ed acquistare attrezzature varie.

Infine, una nota sul servizio di trasporto scolastico: non sarà disponibile (almeno per i primi mesi) a causa di insormontabili ostacoli organizzativi ed economici. Le misure per garantire la sicurezza farebbero più che triplicare il costo annuale per ogni bambino, portandolo da circa 800 euro ad almeno 2.500. Una cifra molto difficile da sostenere tanto per il Comune (che, pur non essendo un obbligo, è riuscito costantemente a fornirlo, e a un costo accessibile) quanto per le famiglie. In alternativa intanto il Comune assicura i servizi di pre-scuola e doposcuola e sostiene l’utilizzo di pedibus, bicibus e car sharing.